1782 08 02 PAGNINI LLAGUNO

Summary

2 August 1782.

From Giuseppe Maria Pagnini [Parma] to Eugenio de Llaguno y Amírola [Madrid].

Pagnini thanks Llaguno for sending him the first two volumes of Giambattista Conti's Scelta di poesie castigliane. He praises Conti for having published the work and for his skill

Transcription

Illustrissimo Signore Signor Padrone Colendissimo,

Tra le molti grandi obbligazioni che io professo a Vostra Signoria Illustrissima non è una delle minori quella d’aver io lette, la sua mercè, con mio inesplicabil piacere i primi due tomi di poesie castigliane tradotte in verso italiano e illustrate dal Signor Conte Giovanbatista Conti. Ad onta di varie occupazioni, che mi tengono di presente assediato, non ho potuto a meno di percorrere prontamente con insaziabilie avidità questa nobilissima collezione, che mi ha lasciato il desiderio d’assaporarla di nuovo con maggior agio. Le poesie in essa pubblicate di Boscano e di Garcilasso mi paiono tutte auree e lavorate sul conio de’ buoni greci e latini con la giunta di nuove grazie, parte create da’ felicissimi loro ingegni, parte imitate dagli ottimi italiani poeti del 1300 e da quelli del 1500, che furono lor coetanei. Non è piccola gloria per la ingegnosissima nazione spagnola il poter vantare scrittori tanto eccellenti della sua lingua in un secolo che le altre lingue viventi dall’Europa, a riserva dell’italiana, erano tuttavia quasi del tutto incolte e neglette.

L’editore di questi egregi componimenti non ha aspirato, per quel che parmi, alla semplice lode di buon traduttore, ma sì a quella di valoroso emulatore de’ suoi originali, e, se il mediocre conoscimento che ho della lingua spagnola, unito al non mediocre studio che ho fatto su i poeti italiani mi permette di giudicarne, egli ha ottenuto felicemente l’intento. La prefazione e le annotazioni son lavoro di squisitissimo gusto, in cui spiccano a maraviglia tanto il poeta quanto il filosofo, pregi non così facili a riunirsi in una stessa persona , ne saprei dir qual de’ due vi faccia miglior comparsa.

Bramo di tutto cuore vita e salute a un cavaliere di tanto merito, perch’egli possa condurre a fine un’impressa, la quale tengo per certo che sia per riportare il plauso e il gradimento di tutti gli amatori della bella poesia.

Trattanto mi pregio d’essere con piena stima ed osequio di Vostra Signoria Illustrissima divotissimo e obbedentissimo servidore.

Giuseppe Maria Pagnini

Carmelitano.

Parma, 2 di agosto 1782.

Editor notes

Documentary and bibliographic data

  • Location

    Madrid, Archivo Histórico Nacional, Estado, leg. 3014, nº. 35.

  • Description

    Sheet consisting of 2 f. 245 x 180 mm. Autograph letter.

  • Edition

    Pedro M. Cátedra

  • Specific bibliography

    Cátedra 2015b, ***.

    Further bibliography cited Conti 1782-1790;
  • Citation
    Letter from Giuseppe Maria Pagnini to Eugenio de Llaguno y Amírola in 1782-08-02, ed. Pedro M. Cátedra, in Bodoni Library [<http://bibliotecabodoni.net/en/letter/1782-08-02-pagnini-llaguno> Requested: Aug 19, 2019].
    Cite this document

Nota bene

There is a Spanish translation of this letter made  for Llaguno by Casimiro Gómez Ortega (ed. Fabbri 1994, 208-214).

Digitalization of the original documents