1785 02 09 AGÜERA BODONI

Sommario

9 febbraio1785.

Da Benito Agüera Bustamante y Gutiérrez [Roma] a Giambattista Bodoni [Parma].

Agüera fornisce a Bodoni novità riguardanti Azara, il quale sta uscendo dalla sua malattia, e si riferisce all’interesse di questi affinché Pagnini termini il suo incarico.

Transcrizione

Roma, 9 febbraio 1785.

Amico e padrone stimatissimo,

Quantunque il corriere va a partire, non tralascio di dirLe che con questa datta scrivo a Monsignor Bonazzi con tutto impegno acciò di servirLa secondo Lei mi dice nella sua stimatissima de' 30 gennaio, sicché spero che la faccenda s’accomoderà, come desidero e desidererò sempre in tutto quel che appartenga al suo incomparavil merito e talento, che non è né sarà scordato mai da questo Cavaliere Azara né da nessun spagnuolo che La conosca come noi due. Questo Cavaliere sta bene già della sua febbre, e s’alza, ma non può scrivere di pugno, ed ha detto al suo segretario di scrivergli e ricordargli i versi che disse a Lei di fare il Padre Pagnini come io gli suggerì; onde che venghino quanto prima.

Frattanto Lei mi creda suo di tutto cuore e con tutta stima.

Agüera.

Note al testo

Dati documentali e bibliografici

  • Ubicazione

    Parma, Biblioteca Palatina, Archivio Bodoni, C. 28. 146 (entre las minutas de Azara).

  • Descrizione

    Bifoglio di 230 × 185 mm. Lettera autografa.

  • Edizione

    Pedro M. Cátedra

  • Altre edizioni

    Cátedra 2014a, 184, nº. XL.

  • Bibliografia specifica

    Cátedra 2014a, 38-42; Cátedra 2015b, ***.

    Altra bibliografia citata Ciavarella 1979; De Dominicis 2011;
  • Citazione
    Lettera da Benito Agüera Bustamante y Gutiérrez a Giambattista Bodoni del 1785-02-09, ed. Pedro M. Cátedra, nella Biblioteca Bodoni [<http://bibliotecabodoni.net/it/lettera/1785-02-09-aguera-bodoni> Richiesta: 17/nov/2019].
    Cita questo documento

Scannerizzazioni degli originali