1800 09 28 FRANCO BODONI

Sommario

28 settembre 1800.

Da Andrés Franco Castellanos [Madrid] a Giambattista Bodoni [Parma].

Nonostante non abbia ricevuto risposta alla sua lettera precedente, Franco ritorna a corrispondersi con Bodoni e rimane in attesa di notizie. Fornisce novità anche a proposito di Mendizábal e Azara, il quale sta viaggiando per Barcellona dove pensa di passare tutto l’autunno.

Transcrizione

Madrid, 28 settembre 1800.

Gentilissimo Signor Bodoni, amico pregiatissimo,

L’opportuna occasione di partire costì il noto corriere Don Michele Pérez e il desiderio di sapere per mezzo così sicuro le bramate di Lei nuove, a non tralasciare mi determinano un tanto favorevole incontro di procurarmele. Sebbene Ella per le Sue innumerabili occupazioni, come credo, non abbia ancora risposto all’antecedente mia lettera, ciò non ostante, passa a le di Lei mani questa seconda, che ambisco sia un garante certissimo della mia invariabile amicizia. Ché consolazione la mia se Ella e la signora Margherita amabile godono salute perfettissima! E avrà Ella tanto cuore da non darmi in scritto quanto più presto questa nuova per me la più lusinghiera? Spero che Pérez al suo ritorno me ne sarà apportatore.

Il nostro Mendizábal partì da Madrid al suo paese per intieramente ristabilirsi, ma sul principio molto male gli conferì l’aria natia. Da febbre continua fu a letto obbligato, degenerò poi in febbre terzana e finalmente ho avuto il piacere di sapere, per lettera del 22 corrente, ch’eranno già otto giorni che gli mancava e che, quantunque a poco a poco, cominciava a rimettersi. Ignoro quando potrà essere qui di ritorno.

Da Aragona mi scrive il Signor Cavaliere in data del 16 di questo mese che intraprendeva il suo viaggio per Barcellona il seguente giorno 17. Sta bene benone, e probabilmente si tratterrà tutto il prossimo inverno in quella capitale della Catalogna, alla quale deve esser giunto a quest’ora. Gli rispondo anche a Barcellona col mezzo di Pérez.

Se Ella, nel fare li miei più distinti complimenti alla Sua cara metà, aggiunge eziandio la brama ardente che nutro di compiacerla in qualunque suo desiderato comando, l’avrà sicuramente manifestato il più vero sentimento del mio cuore.

Abbraccio con immutabile affetto gli amici li Signori Jacobacci, Ziliani, Platestainer, Lama, etc., senza dimenticarmi del famoso Del Mastro.

Mi lusingo ch’Ella sarà affatto persuasa dell’inalterabile attaccamento con cui si da il vantaggio di dirsi tutto Suo,

Andrea Franco.

Note al testo

Dati documentali e bibliografici

  • Ubicazione

    Parma, Biblioteca Palatina, Archivio Bodoni, Lettere  ricevute, C. 40/23.54.

  • Descrizione

    Bifoglio di 212 × 150 mm. Lettera autografa.

  • Edizione

    Pedro M. Cátedra

  • Bibliografia specifica

    Cátedra 2015b, ***.

  • Citazione
    Lettera da Andrés Franco Castellanos a Giambattista Bodoni del 1800-09-28, ed. Pedro M. Cátedra, nella Biblioteca Bodoni [<http://bibliotecabodoni.net/it/lettera/1800-09-28-franco-bodoni> Richiesta: 21/set/2020].
    Cita questo documento

Note

A questa lettera risponderà Bodoni il 14 novembre 1800.

Scannerizzazioni degli originali

Prendere visione del documento originale nella teca della Biblioteca Palatina.