1795 07 25 BODONI AZARA a

Resumen

Parma, 25 de julio de 1795.

De Giambattista Bodoni [Parma] a José Nicolás de Azara [Roma].

Bodoni se excusa por su silencio, debido a la gran actividad llevada a cabo en su oficina privada, la cual le ha granjeado envidias y enemigos en el Ducado. Espera poder asegurar, antes de fallecer, el futuro de su esposa y de su hermano en relación a la Stamperia y, con la esperanza de cerrar su negocio con España, afirma haber enviado varios ejemplares de la Gerusalemme liberata a Madrid para la Corte. Informa también que Llaguno se alegró del envío de este libro al Rey.

Transcripción

25 luglio 1795a.

Veramente il mio sì lungo silenzio avrà dovuto sembrare alquanto strano ed insolito a Vostra Eccellenza, che è stata per tanti anni infastidita e seccata dalle molte, diffuse e frequenti mie epistole.

Per discolparmi Le basti sapere che io, dacché ho messa in piedi la mia particolar officina tipografica, ho stampato da 115 libri tra grandi, mezzani e piccioli. Non si è impresso neppur un foglio che non sia stato per ben quattro volte da me riveduto e minutamente espurgato da qualunque menda o lettera diffettosab. Tale mecanica non mai interrotta occupazione, oltre allo avermi infievolita la vista, e direi quasi agghiacciato il cervelloc, mi obbliga anche adesso a stare curvato da mane a sera al tavolino senza lasciarmi il menomo ozio, ond’è che io mi riempio di umori podagrici ed impinguo a segno che presto diverrò inerte e pesantissimo. A questa indispensabil fatica che debbo tollerare per non lasciar inoperosi i miei giovini, si aggiunge una moltiplicità di lettere da scrivere, a cui anche nella corrente stagione supplisco col lume notturno. Giudichi Ella dunque e decida se io abbia dormito negli scorsi mesi e se io sia degno di scusa e di compatimento per la involontaria taciturnità mia.

Chi avrebbe mai potuto prevedere che la detta mia Stamperia mi avrebbe reso l’uomo il più invidiato che esista in questo picciol paese dove abito da ventisette e più anni senza aver mai potuto avvanzar tanto da ricuperare la mia totale indipendenza e tranquillità? Eppure la cosa è così, mio veneratissimo Signor Cavaliere. Mi si fa una guerra sorda per farmela andare a terra e sono accertato che un arcipotente soggetto non lascia di sommover ogni sasso per riuscire in tale intento.

Mi ha funestato non poco la proposizione che costui disse ad un Suo confidente che, nel caso che io venga a morire, non si permetterà più né a mia moglie né a mio fratello di continuare questa mia Stamperia. Bella e dolce consolazione per me! Ma, viva Dio, computando a ragion d’anni spero di veder prima la sua apoteosi, prima di chiudere la mia mortal carriera. (*)

Io so che attualmente a quella Reale Corte i tempi non sono favorevoli alle cose letterarie. Ma io non ho potuto fare a meno di profittare di quella occasione per mandare colà l’edizion mia, di cui il Re si è degnato accettarne la dedica. Forse se avrà luogo, come tutti i buoni lo desiderano, il sospirato matrimonio, la mia offerta papiracea non sarà intempestiva e verrà accolta con gradimento. Ed il Signor Conte Ventura stesso ha raccomandato i miei libri al Signor Duca dell’Alcudia; ed ora imploro di nuovo anche la mediazione di Vostra Eccellenza acciò voglia scriverne all’eccellentissimo Signor Don Eugenio Llaguno. Il Principe nostro Ereditario son certo che s’interesserà moltissimo a favor mio. Le copie spedite sono pel Re, per la Regina, pel Principe di Parma, pel Duca d’Alcudia, pel Ministro di Grazia e Giustizia e pel Ministro d’Azienda . Tutte sono legate nella miglior guisa possibile.

Quando il Signor Cavaliere della Sommaglia disse al Signor Don Eugenio prelodato che io fra breve avrei mandato il mio Tasso dedicato a Sua Maestà, ne mostrò grandissimo piacere come mio protettore.

[G. B. Bodoni].

 

a Antes de la fecha anota el destinatario y debajo el destino: Azara ½Roma Tras 1795 [corregido sobre 1796] cancela verosimilmente     b Había escrito diffettosa y corrige.     cHabía escrito cervella y corrige.

 

Notas al texto

Datos documentales y bibliográficos

  • Ubicación

    Parma, BP, Minute G. B. Bodoni, carpeta «Lettere di Bodoni ad Azara con data», nº. 56.

  • Descripción

    2 pliegos conjugados de 2 h. cada uno de 245 × 180 mm.; el exterior tiene en blanco 1v & 2v.

  • Edición

    Noelia López Souto

  • Otras ediciones

    Ed. Drei 1940, 104-106; Ciavarella 1979, II, 109 & 112. En realidad, esta minuta y la siguiente sirvieron para la redacción de la carta del 25 de julio, de la que ambas forman parte, como se deriva de la contestación de Azara, que se refiere a asuntos tratados en las dos.

  • Otra bibliografía citada Cátedra 2015a; Hernández Andreu 2009;
  • Cita
    Carta de Giambattista Bodoni a José Nicolás de Azara de 1795-07-25, ed. Noelia López Souto, en Biblioteca Bodoni [<https://bibliotecabodoni.net/carta/1795-07-25-bodoni-azara-a> Consulta: 03/07/2022].
    Citar este documento

Nota bene

Véanse las continuaciones de esta minuta, del correo de 25 de julio de 1795: b y c.

Digitalizaciones de los originales